Recensione | “Clinamen” di Sara Gavioli [Self publishing]

🅘︎🅛︎ 🅜︎🅘︎🅞︎ 🅥︎🅞︎🅣︎🅞︎
⭐⭐⭐⭐⭐
[4.90]


Intorno c’è Milano, al centro lei.

Sospesa tra il passato, distante ma ancora significativo, e il futuro che sembra non decidersi ad arrivare, osserva quella città piena di occasioni, così diversa dalla Sicilia che continua a richiamarla indietro. E mentre, come tutti, muove i primi passi in cerca di uno spazio nel mondo, le scorre attorno l’umanità che sussurra piccole storie quotidiane.
C’è la voce dell’uomo gentile dietro il muro, c’è il vecchietto incontrato in ascensore o la donna che beve birra alla fermata del tram. C’è la madre, rimasta su una poltrona nella vecchia casa, e poi un ragazzo, l’unico con cui si può parlare davvero. Ci sono progetti e speranze, e c’è soprattutto la domanda fatta da quel padre che non c’è più: cosa sei, cosa sarai?

• Titolo: Clinamen
• Autore: Sara Gavioli
• Traduttore: ——
• Illustratore: ——
• Editore: Self publishing
• Collana: ——
• Serie: ——
• Data di Pubblicazione: settembre 2020
• ISBN: 889454530X
• Pagine: 250
• Genere: Narrativa >> italiana
• Formati disponibili: cartaceo ed ebook

Questo secondo romanzo di Sara Gavioli è bellissimo!

Parto subito con il dire che, secondo me – ormai dopo tre anni di blog e recensioni forse vi fidate un po’ delle mie competenze, vero? – questo romanzo è una delle cose più belle lette in questo 2021. Ok, sono in ritardo di un libro, dato che Sara ha già pubblicato anche il terzo romanzo, ma ho aspettato di poter leggere il primo per poter andare in ordine e capire meglio l’evoluzione della scrittura che, in uno scrittore emergente, è una delle cose più importanti.

L’evoluzione c’è stata, eccome. Se il primo libro della scrittrice era un romanzo abbastanza bloccato su un binario – quasi – prestabilito seppur scritto bene e con molta attenzione e seppur mi fosse piaciuto, questo secondo romanzo, che Sara descrive come una mosaic novel, mi ha letteralmente travolto. Leggendolo ho sentito tutta la vita scorrermi dentro al cuore, dietro agli occhi e qualche volta da questi miei occhi ha anche voluto uscire sottoforma di lacrime di tristezza e di vicinanza.

La storia è autobiografica. Lo sai e lo capisci dopo aver seguito per tre anni la scrittrice su Instagram, nei suoi lunghi monologhi dove spiegava la sua vita, le persone, la città (Milano) e l’attualità. Chiunque segua Sara sa che questi piccoli sprazzi di buio-luce-sole-pioggia-Milano-Siracusa sono tutto quello che nella sua vita l’ha colpita (e a volte affondata). Leggendo queste righe non si può fare a meno di immedesimarsi, trovando un punto in comune con una ragazza che cerca si arrabattarsi come può in una grande città, sola e celebrale come lo sono le persone che pensano sempre e pensano troppo.

La cosa che più mi è piaciuta è anche stata quella che mi ha fatto più male: il non lasciarsi andare. Il non perdersi d’animo anche se all’apparenza si sta proprio facendo quello, piano piano senza correre, inventarsi una vita e costruirla senza fretta, anche se la fretta c’è. Sara (e noi che leggiamo) segue una linea tracciata ma in maniera così labile che sembra non seguirla. A volte le cose capitano, a volte no e il sunto di tutto questo è proprio il provare a dare un senso alle cose che ci circondano, proprio quando succedono, mai prima. Mai dopo.

Se non lo avete ancora fatto, vi consiglio vivamente di acquistare questo libro – qui sotto trovate i link cliccabili di Amazon *affiliated* – e leggerlo, lo finirete in poche ore come è successo a me e per un po’ vivrete tanti piccoli traguardi che alla fine farete anche un po’ vostri. Ma così, senza grandi pretese riuscendo a chiudere l’ultima pagina sorridendo a voi stessi (e a Sara).


Pubblicato da Alice Biondi

Sono luce solo dove c'è buio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Leggendo a Bari

“Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”

Libri di mare

Libri, Scrittura, Riviera d'Ulisse

Alice Biondi Stories Creator

Creo stories Instagram

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

Book-tique

Giorgia's Book-tique: un blog tra Libri, cultura e colori

Daisyreview’ Blog

"Amo leggere e scrivere, motivo per cui ho deciso di avviare questo blog. Mi piace recensire tutto quello che leggo ed i posti che visito. "

La Penna nel Cassetto

Libri, cinema, serie tv, musica e tutto ciò che ruota intono al mondo della cultura

Melissaleggelibri

come i libri mi accompagnano nella vita di tutti i giorni

Universo Libri

Perché di libri non se ne ha mai abbastanza

Hanabi Recensioni

"I libri sono come fuochi d′artificio"

Un tè con la Palma

La donna è come una bustina di tè, non si può dire quanto è forte fino a che non la si mette nell'acqua bollente.

Il Buon Vecchio Libro

"Un buon libro è il migliore degli amici, oggi come per sempre." Tupper Martin

ragazzainrosso

Blog letterario a cura di Silvia

Giulia Ciarapica

Leggo, scrivo e pretendo un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

RaccontAmi

Tutto è una storia

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

live&read

Libri, le perle di saggezza

MentreLeggevo

Book blogger, libri, consigli... leggete con me!

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: